Napoli, terremoto in tribunale: arrestati avvocati e cancellieri

 
 
Sono 45 le persone indagate nell'inchiesta della procura di Napoli su un giro di illegalità consistente nella manipolazione di fascicoli processuali. Accesso abusivo a sistemi informatici, corruzione in atti giudiziari, violazione del segreto istruttorio e occultamento di fascicoli processuali. Sono queste le pesanti accuse che la Procura di Napoli muove nei confronti di 45 persone. Il gip ha emesso 26 misure cautelari di cui tre di custodia in carcere, 22 con il beneficio dei domiciliari e una interdittiva.
 
I provvedimenti riguardano vicende commesse in uffici giudiziari, alla corte di Appello di Napoli e al tribunale di Sorveglianza.Perquisizioni della Guardia di finanza negli uffici giudiziari e negli studi di alcuni avvocati. Agli atti ci sono intercettazioni e anche riprese video delle telecamere installate negli uffici della corte d’Appello che documenterebbero accordi e scambi di denaro tra cancellieri e avvocati coinvolti nell’organizzazione.
 

L’ordinanza emessa dal gip riguarda 4 avvocati del foro di Napoli; 9 tra cancellieri, commessi e operatori giudiziari; 3 faccendieri che da anni frequentano gli uffici giudiziari; un consulente tecnico della procura e del tribunale (sottoposto a misura interdittiva) perché su incarico di un avvocato e in cambio di denaro avrebbe redatto perizie psichiatriche d’ufficio compiacenti a favore di un pregiudicato; un ispettore di polizia del commissariato di quartiere Vicaria-Mercato che sostituiva relazioni sfavorevoli fatte da colleghi per conto del tribunale di Sorveglianza con altre false e favorevoli. 

 

FONTE

 

FacebookMySpaceTwitterGoogle BookmarksRSS Feed

 

 

Come dovrebbe essere

Premium Downlaod Templatesby bigtheme.org

София Дървени дъски

София Иглолистен дървен материал

Online bookmaker Romenia bet365